19In tempi di crisi il futuro fa ancora più paura. Fa paura il futuro dei più piccoli ed è per questo che molti genitori/nonni/zii oggi più che mai si preoccupano del loro avvenire. Gli studi, il lavoro, l’improvviso cambiamento dello status quo (i genitori che perdono il lavoro o si ammalano) sono per molti un chiodo fisso ed è per questo che si rivolgono al mercato per trovare l’offerta giusta, quella che garantisca una rendita nel lungo periodo al minore senza tuttavia imporre esborsi eccessivi.

Molte famiglie guardano alle polizze assicurative per mettersi al riparo dai rischi del mercato e garantire ai propri eredi la possibilità di studi universitatri o di master all’estero.  Le proposte sono tante e ogni Compagnia ha la sua. La formula classica  è la polizza di capitale differito o di rendita differita abbianata a una garanzia sulla premorienza o sull’invalidità permanente del contraente.

In molti prendono in considerazione anche i Pip (piani individuali pensionistici) e i Pac (piani di accumulo) che, secondo gli esperti, hanno il vantaggio di impostare nei tempi giusti rendite e coperture. I Pip possono essere intestati ai figli e offrono vantaggi fiscali contributivi simili a quelli dei fondi pensione. Anche i Pac offronto il vantaggio di una grande flessibilità.

Il dato interessante è che negli ultimi mesi è stato registrato un boom di sottoscrizioni di assicurazioni sulla vita con un incremento particolarmente sensibile per le polizze di ramo 1 (ovvero le rivalutabili) che secondo i dati sono le preferite dagli italiani.

PIANI DI ACCUMULO. Investire per se o per i propri figli

Tag:             

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>